08 agosto 2015

La ferrata Campanili del Latemar (3)

IMG 3524

Qui la prima parte. Qui la seconda. 
Siamo grosso modo a metà della Ferrata dei Campanili del Latemar, e come ho già scritto nei posts precedenti, mano a mano che proseguo, rimango in parte deluso dalla ferrata stessa, perché mi aspettavo si sviluppasse completamente sul versante che strapiomba sul Passo Costalunga. Invece quel versante lo possiamo vedere a sprazzi solo quando si aprono delle fenditure tipo quella qui sotto. 

DSC 2339

Tra l’altro la ferrata presenta tratti di sentiero “normale” che rovinano un po’ l’atmosfera. 

DSC 2341

A due terzi della ferrata però, ecco un altro spettacolare passaggio da fotografare. 

DSC 2342

E’ un camino che prevede corda sospesa e un po’ di equilibrio. 

DSC 2344

DSC 2345

DSC 2348

Nulla di complicato, comunque. 

DSC 2350

Ecco mio fratello impegnato nello stesso passaggio.

IMG 3520

IMG 3523

La ferrata volge quasi al termine, e le persone che incontriamo sono sempre di più. 

DSC 2361

DSC 2363

Siamo arrivati alla Forcella dei Campanili da cui siamo partiti. Peccato che la ferrata non prosegua anche verso quelle torri. 

DSC 2374

DSC 2375

Ancora uno sguardo all’Alta Val d’Ega e al minuscolo lago di Carezza. 

DSC 2376

Riguardiamo il versante da dove siamo scesi. 

DSC 2377

Lasciamo la forcella dei Camosci bella piena di persone, per rientrare a casa. 

DSC 2379

Le nuvole nel corso della giornata sono via via aumentate ma senza creare fastidi. Anzi, ci hanno protetto da un sole agostano parecchio intenso e tosto. Nonostante ciò, ritorniamo a casa con la faccia e le braccia rosse. 

DSC 2385

Qui mio fratello, mentre familiarizza con un Gracchio nei pressi del Rifugio torre di Pisa. 

DSC 2393

Ecco la strada del ritorno che ci attende. Sono le 14.30, molti salgono al rifugio. Noi scendiamo. 

DSC 2394

Di questi, la quasi totalità arriva qui grazie agli impianti di risalita. In alcuni casi, sarebbe molto meglio pedalare a piedi, anziché farsi portare senza fare un minimo di fatica. La montagna è anche questo, no?

DSC 2396

Vi lascio con questa rilassante visione e vi aspetto per la prossima escursione sulle Dolomiti!

DSC 2397

DATI TECNICI:
Tempo totale di cammino: 9,5 ore. 
Distanza percorsa: 18,1 km
Punto più elevato: 2761 metri
Dislivello in salita:  1130 metri

Route 3.200.090 - powered by www.wandermap.net
Pin It

4 commenti:

Stefano ha detto...

Grazie Momo per aver condiviso queste meravigliose immagini !
Mi mancavano troppo i tuoi post

Stefano

franchino ha detto...

finalmente sono risucito a leggermi ttti e 3 i post su questa tua nuova fantastica escursione. Grazie per averla condivisa con tutti noi!

Momo ha detto...

Stefano, Franchino, grazie a voi!! :-)

franchino ha detto...

ah! Anche quest'anno ho corso la marcialonga running, il 6 settembre e credo di essere passato vicino a casa tua,... butto sempre un occhio tra il pubblico nella speranza di intravederti ma niente! :-D

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...