29 dicembre 2015

Davanti alla TV

Locandina

La Piramide. Voto: 5,5. In cerca di film con carico di adrenalina decente, mi son visto questo lungometraggio di serie B con incassi in Italia e nel mondo abbastanza scarsini. E ora capisco anche il perché. Comunque non è una cagata totale. Un fondo di divertimento ce l’ha e se proprio non avete di meglio da guardare...

Pin It

26 dicembre 2015

Benvenuto Apple Watch

DSC 3664

Babbo Natale quest’anno è stato molto generoso. Sotto l’albero ho infatti trovato uno dei nuovi dispositivi Apple che più desideravo: Apple Watch. Sono almeno 15 anni che non giro più con l’orologio, l’ultimo che ho indossato fino al suo sfinimento (cambiato il cinturino 4 volte) è stato questo. 

NewImage

E prima di lui è stato il tempo di vari Swatch e di un hip hop alla liquirizia. 
Da oggi invece, anziché un semplicissimo orologio, girerò al polso con un dispositivo che è a tutti gli effetti un prolungamento di lusso del mio iPhone. Con Apple Watch al polso potrò gestire tutto ciò che succede nell’iPhone senza toccare iPhone. E questo si rivelerà sera utile in molte situazioni: al lavoro, in auto, mentre scio o sono a far trekking, ecc… Ormai i nostri smartphone non sono più semplici telefoni cellulari, ma sono i dispositivi su cui ruota la nostra vita quotidiana: contati con i nostri amici e parenti, messaggi, scatto e scambio di foto, mail, notiziari, e tantissimo altro. Ecco che alla luce di ciò, un dispositivo che ti permetta di controllare questi aspetti e funga anche da cardiofrequenzimetro (con le varie attività di movimento annesse) e non ultimo da orologio dalle mille variabili (Apple Watch trasforma il suo quadrante in tantissimi stili diversi), diventa molto utile. 
Ma ora bando alla ciance, sono qui per mostrarvi l’unboxing dell’Apple watch, come faccio sempre per ogni prodotto Apple che compro o che come in questo caso, mi faccio regalare.
La scatola di Apple Watch è veramente pesante. La prima volta che l’ho sollevata mi son meravigliato. Ho detto: ma che caspita c’è dentro qui? La maggior parte del peso sta nella confezione, sia quella in cartone rivestito, che è molto spesso e rigido, sia nella confezione in plastica lucida che protegge Apple Watch. 

DSC 3665

Insomma, mai come in questo caso Apple non si è risparmiata nel creare un packaging di tutto rispetto. L’obiettivo è quello di elevare il prodotto a livelli molto alti, come effettivamente questo computeranno da polso merita. 
Ecco la confezione in plastica dentro la scatola in cartone. Il bianco domina ovunque. 

DSC 3666

Sotto l’astuccio in plastica c’è un ulteriore astuccio in cartoncino che contiene diverse cose che poi vedremo.

DSC 3667

Ancora più sotto, ecco il carica batterie e la spina italiana per il collegamento del cavo USB.

DSC 3668

DSC 3669

Eccoci all’interno dell’astuccio in cartoncino. Dentro abbiamo delle scarne istruzioni in italiano e spagnolo, il foglietto della garanzia e un secondo cinturino con misure più piccole rispetto al cinturino che ho ricevuto. 

DSC 3670

Al momento dell’ordine infatti è possibile decidere che misura di cinturino scegliere: S-M, M-L, L-XL. Io mi sono misurato il polso e con la tabella Apple ho stabilito che la misura M-L fosse la più adatta. 

Schermata 2015 12 26 alle 14 44 25

 

DSC 3671

Ed eccoci all’astuccio in plastica rigida lucida che contiene Apple Watch. E’ pratico anche per portare il dispositivo in viaggio per non rovinarlo. 

DSC 3672

Io ho scelto l’Apple Watch da 42 mm (quello grande, c’è poi la misura da 38 mm che normalmente è pensata per il polso femminile), in versione Sport con cassa in alluminio color grigio siderale e cinturino nero.

DSC 3674

DSC 3675

Nel retro sono ben visibili i sensore LED che sentono il battito e la frequenza del nostro cuore.

DSC 3676

Questo è il cavo di ricarica con attacco magnetico.

DSC 3679

DSC 3680

Qui un particolare della chiusura del cinturino sport.

DSC 3681

Alcune schermate di Apple Watch in azione.

DSC 3682

DSC 3683

DSC 3684

DSC 3686

Per la gioia di mia figlia c’è anche Topolino che segna l’ora. 

DSC 3687

Ecco il mio modello nelle immagini di Apple. 

Schermata 2015 12 26 alle 14 57 46

Schermata 2015 12 26 alle 14 58 04

Schermata 2015 12 26 alle 14 58 10Schermata 2015 12 26 alle 14 58 15

 

Schermata 2015 12 26 alle 14 58 21

La prima impressione, dopo poche ore di utilizzo è decisamente piacevole. Apple watch ti avvisa in modo discreto se qualcuno ti ha mandato un messaggio, una mail, o altro. E lo fa con un lieve tocco sul polso. La sensazione è identica a quella che si verifica quando qualcuno ti tocca il polso lievemente. Il quadrante di visualizzazione delle ore è veramente molto vario. Praticamente te lo costruisci tu, sia a livello di elementi da visualizzare che a livello grafico. Veramente bello. 
Le altre funzioni le le scoprirò mano a mano, ma per ora sono molto soddisfatto. Un unica cosa: ho cercato ovunque ma non riesco in nessun modo a modificare la scala dei gradi della temperatura da F° a C°. Una cosa banale, ma per ora irrisolta. Nulla neppure sul manuale online. Vabbè, prima o poi troverò l’arcano.
Per concludere, molti si chiedono a cosa possa servire Apple Watch e se è veramente così indispensabile. Sicuramente non è indispensabile, potete agevolmente vivere benissimo senza. Tuttavia lo consiglio a coloro che hanno uno stretto contatto giornaliero con il proprio iPhone. Apple watch è la sua appendice e per assurdo vi troverete a consultare molto meno iPhone (con buona pace di coloro che vi circondano e che vi rimproverano di non mollarlo mai) grazie alle continue notifiche che Apple watch vi manda. Notifiche che con uno sguardo potete ignorare o meno. Tanto Apple watch si attiva semplicemente ruotando il polso, come fareste per vedere l’ora. E solo questo è spettacolare. 

Pin It

24 dicembre 2015

Questo finto triste inverno

Image

Ok, all’inizio, intorno a metà novembre, mi son detto: l’assenza di freddo e neve è un bene: si spala meno, le strade son pulite, ci godiamo ancora un pochino di sole. Ma arrivati al ponte dell’immacolata ho iniziato a cambiare idea. Quelle cime completamente brulle, il paesaggio desolatamente giallo, era una tristezza per gli occhi. Ora, alla vigilia di Natale, dopo due mesi senza nessun tipo di precipitazione, sono davanti ad una valle di Fiemme irriconoscibile. Mai a mia memoria siamo arrivati a Natale senza un briciolo di neve naturale almeno sulle cime dei monti. Mai sulle piste da sci si è dovuto contare solo su neve artificiale per poter aprire gli impianti. E i paesaggi che vedranno i turisti che ci verranno a trovare da domani in poi, saranno alienanti, con versanti montani percorsi da inquietanti strisce bianche e temperature quasi primaverili alle alte quote (da giorni ormai c’è inversione termica). 

Ripeto, sono quasi due mesi che non cade nulla di nulla dal cielo. L'ultima pioggia, tra l'altro di poca entità, l'abbiamo vista il 28 ottobre (13 mm). Ecco lo storico degli ultimi due mesi:

Novembre 2015 in valle di Fiemme

Schermata 2015 12 24 alle 10 09 02

Dicembre 2015 in valle di Fiemme

Schermata 2015 12 24 alle 10 09 25

Come potete vedere, anche le temperature non sono scese un granché. 

La neve sulle piste, ad ora, è al 100% artificiale, con un enorme dispendio economico da parte di tutti gli impianti di risalita. Chi è andato a sciare dice che comunque le piste sono perfette. Il grosso problema è che i bacini idrici artificiali, che ormai tutte le stazioni sciistiche hanno, sono praticamente a zero per un doppio fattore facilmente intuibile: zero precipitazioni a novembre (notoriamente uno dei mesi più piovosi da queste parti insieme ad agosto) e l'uso massiccio per questi ultimi 30 giorni, dell'acqua da parte dei cannoni spara neve. Pampeago è già a secco da due settimane. Ha chiesto l'acqua in Val di Fassa ma gli è stata negata. Fine della possibilità di creare neve artificiale. Va meglio in altre località con bacini idrici con qualche scorta. La cosa insostenibile è che siamo praticamente ad inizio stagione. E che le precipitazioni in questo periodo (se ci sono) sono nevose e non piovose. La situazione migliorerà solo in caso di nevicate molto abbondanti nei prossimi 15-20 giorni. Nevicate che dovrebbero creare il fondo per tutta la stagione. Fondo che solitamente si crea a fine ottobre (alle alte quote) o a metà-fine novembre (più in basso). Quest'anno il fondo è inesistente. Ecco alcune situazioni in giro per il Trentino Alto Adige.

12 2

19 3

Mega

Webcamkoelner

Mega 1

33 5

12 5

10 6

13 1

2 9

M1test

Test

22 1

Tonale

Meteocam1 4

Fuori dalle piste da sci c'è l'erba brulla e gialla. Le cime, anche quelle più alte, sono secche. Solo la Marmolada e qualche vallone esposto a nord ha della neve naturale scesa appunto ad ottobre (!!). La foto di apertura mostra il Passo Rolle ieri mattina.
Le previsioni per i prossimi giorni, sono catastrofiche (soprattutto per gli operatori dello sci). Questo mega vortice di alta pressione stabile sull'Europa, non permette, ormai da moltissime settimane, la discesa di nessun tipo di perturbazione. La prima probabile perturbazione è attesa per i giorni intorno al 3-4 gennaio, ma è solo una blanda previsione. L'unica nota positiva in tutto questo quadro tutt'altro che roseo, è che stiamo risparmiando sul riscaldamento.
In tutto questo tritume invernale, vi auguro una bellissima vigilia di Natale!  

Pin It

18 dicembre 2015

Davanti al grande schermo

Locandina

Star Wars. Episodio VII. Il risveglio della forza. Voto: 9. 
Che dire? Questo film ha lasciato il segno. Vi dico solo che finto il film volevo ricominciarlo da capo e non mi succede praticamente mai! Un capolavoro in tutti i sensi perché te li risveglia tutti i sensi che hai. Se poi sei un fan nostalgico di Star wars prima maniera, andrai letteralmente in brodo di giuggiole. Alla comparsa di Han Solo in sala c’è stata un’ovazione. E che dire quando è stato il turno della Principessa Leila? E i nuovi “cattivi”? E la colonna sonora? E le ambientazioni? E gli effetti 3D. Mamma mia, ragazzi! Mamma mia...

Pin It

08 novembre 2015

Davanti al grande schermo

Locandina

007 Spectre. Voto: 7,5. Diciamolo subito: Skifall (2012) era “più" in tutto: colonna sonora, storia, suspence, scene spettacolari. Sono andato al cinema ancora con i magnifici ricordi di Mission impossible: Rouge nation, capace di un ritmo impressionante da togliere completamente il fiato. Tornato alle infighettature di James Bond, un po’ mi è scesa la palpebra. Molto bella la scena iniziale della festa della morte, anche se durata un po’ troppo, ma poi il film si è trascinato un po’ stancamente qua e là. Ho sentito la mancanza pure della magnifica voce di Adele e della sua splendida Skifall. Che atmosfere in quel film… Ho letto da qualche parte che quest’anno forse ci sarebbe stato il sorpasso di popolarità tra l’Ethan Hunt di Mission impossible e il James Bond di 007. Mi sa che avevano ragione.

Pin It

11 ottobre 2015

Davanti al grande schermo

Locandina

The martian. Voto: 7,5. Ridley Scott non si discute. Il regista autore del capolavoro indiscusso “Blade runner” ha confezionato un film da 2 ore e venti che fila via liscio come l’olio e che ho apprezzato molto. C’era tutto: inquadrature spettacolari del pianeta rosso, ambienti incredibili, tutto estremamente realistico (tranne le fluttuazioni in assenza di gravità che avevano qualche difetto). Ma quello che mi è mancato molto, se non moltissimo, sono state le emozioni. E’ un film molto tecnico e poco emozionale, altrimenti in mio voto sarebbe stato 8,5. Avrei voluto vivere emozioni forti come in Armageddon, per capirci. Invece non ho provato quasi nulla per il protagonista lasciato solo in un pianeta enorme e 225 milioni di km dalla terra. Peccato. 

Pin It

06 ottobre 2015

Un pomeriggio con Samantha Cristoforetti

DSC 2904

Sono arrivato al Muse alle 15 oggi pomeriggio, per assistere al primo incontro che Samantha e i suoi compagni di viaggio della Expedition 42/43 stanno per intraprendere in giro per l’Italia. Il primo di questi incontri era proprio a Trento, la terra di origine di Samantha e della sua famiglia, un omaggio ai luoghi in cui Samantha è cresciuta (i suoi sono di Malè, anche se lei è nata a Milano). 

IMG 3696

La cornice di questo incontro era il parco dello splendido Muse, uno dei luoghi di cultura più affascinanti che io abbia mai visto. 

IMG 3697

DSC 2660

Attirati qui da Samantha e dalle sue imprese spaziali, uomini, donne, ragazzi e bambini. 

DSC 2662

Qui sotto potete vedere la bimba pakistana (quella vestita tutta in fucsia) ma cresciuta in Trentino, protagonista di una lettera letta da Samantha mentre era nella ISS e che tanta tenerezza aveva suscitato per la lucidità e la semplicità in cui raccontava la guerra nelle sue terre di origine. Quella bimba verrà poi chiamata sul palco per un abbraccio con Samantha. 

DSC 2663

Ecco l’argomento della serata aperta a tutti e che attirerà oltre 2000 persone. 

DSC 2664

La cornice in cui si svolge l’incontro è incantevole. Anche il tempo è ottimo e tiepido. 

DSC 2666

Qui il labaro che ricorda il nonno di Samantha, anche lui come la nipote, sempre con la testa per aria! Era nei paracadutisti. 

DSC 2668

Mentre il pubblico inizia a riempire ogni angolo di prato possibile, i genitori di Samantha vengono intervistati dalle TV. 

DSC 2670

DSC 2674

DSC 2678

DSC 2680

Arriva anche il Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Ugo Rossi. 

DSC 2684

Il saluto ai parenti.

DSC 2688

Il generale dell’Aeronautica Claudio Salerno.

DSC 2689

Ci siamo, arriva il direttore del Muse ad annunciare i tre astronauti. 

DSC 2694

Prima parlano i politici, tra cui il sindaco di Trento e i presidenti di ESA e ASI. 

DSC 2699

DSC 2700

Ma all’improvviso, eccola sbucare dalla pancia del Muse, con la sua immancabile tuta blu, che fa un po’ meccanico di Busto Arsizio. 

DSC 2705

Con lei anche l’astronauta americano Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov. 

DSC 2725

DSC 2729

Terry suscita più di qualche gridolino, per il suo innegabile fascino. 

DSC 2737

Samantha si guarda intorno stupita per il gran numero di persone presenti. 

DSC 2739

Ma lo stupore dura poco. Samantha, come se fosse una navigata presentatrice, prende in mano il microfono ed inizia a raccontare la sua avventura nello spazio ai presenti, con l’aiuto di alcune splendide slide. 

DSC 2742

Anton e Terry intervengono a supporto, l’americano tradotto dall’interprete e il russo tradotto al volo dalla stessa Samantha. 

DSC 2747

I presenti ascoltano con vivo interesse per tutto il tempo. 

DSC 2756

DSC 2758

DSC 2767

DSC 2776

DSC 2783

DSC 2794

DSC 2797

DSC 2802

Piano piano cala la sera su Trento e su tutta la platea radunata al Muse.

DSC 2853

DSC 2854

DSC 2856

Samantha infarcisce il suo racconto di tanti aneddoti curiosi. Uno fra tutti quello del taglio di capelli ad opera di Terry. Dirà l’astronauta americano che è stata la “missione” che più l’ha fatto sudare sulla ISS. 

DSC 2861

DSC 2862

DSC 2886

DSC 2887

DSC 2892

Ora è il momento delle domande dai social. Ne arrivano di improbabili. 

DSC 2895

DSC 2897

Ed ecco l’incontro di Samantha con la bimba di origini pakistane. Un momento molto toccante. 

DSC 2921

Regali fatti dai bimbi per Samantha. 

DSC 2930

I tre astronauti diventano anche membri consiglieri d’onore del Muse. 

DSC 2931

DSC 2937

DSC 2938

C’è spazio per un ultimo regalo per tutti e tre. Due stupendi libri sulle Dolomiti (che tra l’altro ho anch’io), che gli astronauti dimostrano di gradire molto. 

DSC 2943

DSC 2958

Dopo circa due ore, finisce questo interessante incontro che attendevo da tempo. Dopo aver seguito personalmente tutta la missione Expedition 42/43, questa era la ciliegina sulla torta. 

DSC 2959

C’è ancora tempo per qualche scatto rubato all’interno del Muse, dove Samantha si ritrova con parenti e amici. 

DSC 2962

DSC 2965

Buonanotte, Samantha. Oggi mi son sentito orgoglioso di essere italiano. Una grande donna che tiene alta la nostra bandiera. 

Pin It
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...