06 febbraio 2014

Tanti paradisi intorno a me

Schermata 2014 02 06 alle 09 15 10

Buonasera gente! In questi giorni Squarciomomo è un po’ monotematico: neve, neve e ancora neve. Ma c’è anche da capire che stiamo vivendo uno degli inverni più nevosi di sempre. Questa mattina, dopo moltissimi giorni di precipitazioni e cielo completamente coperto, è comparso l’azzurro del cielo e con esso si sono spalancati decine e decine di paradisi incontaminati di neve. Io ho potuto solo cogliere dei micro frammenti di questi paradisi, attraverso le webcam ad alta definizione che la rete mette a disposizione. Qui sopra vedete il Civetta intorno alle 8 della mattina. Osservate com’è strapieno di neve. Ecco un’incredibile immagine ravvicinata.

Schermata 2014 02 06 alle 23 00 30

Voi non sapete cosa avrei dato per essere lì ad ammirarlo. Questa immagine è stata catturata 30 minuti dopo, quando il cielo si stava già annuvolando.

Schermata 2014 02 06 alle 08 44 05

Ecco un’altro frammento di paradiso bianco. Siamo ai piedi della Moiazza, tra l’agordino e la vallata zoldana. 

Schermata 2014 02 05 alle 14 49 52

Queste invece sono le meravigliose Tofane, viste dal Lagazuoi. Che dire se non “wow”?

Schermata 2014 02 06 alle 10 14 57

Volete che infierisca ancora? Ok, procedo. Ecco un’altra visione celestiale in zona agordina a 1700 metri. Osservate attentamente gli alberi. In pochissime circostanze vedrete abeti imbiancati in quel modo. Ci vuole freddo, neve farinosa e prontezza, perché questo incanto dura mezz’ora se è tanto. Poi il sole farà cadere tutto. 

Schermata 2014 02 06 alle 09 16 14

Guardate anche il tetto di quella piccola baita sulla sinistra. Avrà su oltre un metro di neve. 
E passiamo alle meravigliose Tofane. Anche loro stracolme di neve.  

Schermata 2014 02 06 alle 08 39 56

Eccole ancora in una inquadratura più panoramica. A me ste immagini fanno veramente male...

Schermata 2014 02 06 alle 08 41 07

Chiudo con un’altra immagine tratta da webcam. Il protagonista è ancora il Civetta, ma dal versante di Alleghe. 

Schermata 2014 02 06 alle 08 40 17

Anche qui abeti panassi e montagna stracarica. Questo sabato o domenica mi sono ripromesso di andare o al Passo San Pellegrino o comunque in zone altamente nevose per immortalare paesaggi che chissà quando rivedremo così carichi di neve. I dati diffusi dall’Arpav sono da record. Nel mese di gennaio, a Belluno città, sono caduti 426 millimetri di pioggia: il risultato più alto da quando sono iniziate le misurazioni nel 1912.
Stanotte è prevista ancora neve e qualcosa anche sabato mattina. Domenica, poco nuvoloso. Intanto la situazione Passi alpini si va normalizzando anche se sono ancora di più quelli chiusi che quelli aperti. 

Pin It

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Momo, pensa che a Udine sono stati rilevati 463 mm. a gennaio 2014, ma ad alcune località è andata peggio (Musi 1071 mm., Tolmezzo 665 mm., Gemona del F. 748 mm.....), e per quanto riguarda la neve, in basso poca, ma a 1800 m. ci sono oltre 5 metri al suolo :-) saluti Zdravo

Anonimo ha detto...

veramente bellissime foto qualcuna sembra cosparsa di--- zucchero al velo, non ho visto mai tanta neve!

Zion ha detto...

Stupende, grazie!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...