21 gennaio 2014

Avril, divoratrice di puzzle

IMG 1811

Avril adora i puzzle. Ha iniziato con quei puzzle giganti da pavimento, composti da 24 pezzi con protagonista il pesce Nemo. Poi si è specializzata con puzzle da tavolo da 15 pezzi che compone con una velocità assurda. L’altro giorno gliene ho comprati altri 3 (4,74 euro su Amazon) e nonostante non li conoscesse, in meno di 5 minuti era già in grado di sistemare i pezzi nel posto giusto. Come se non bastasse, pronuncia la parola “puzzle” correttamente, e ogni sera mi dice: “Vieni papino che facciamo un pasolino!”
Questo aspetto della mia bimba mi conforta, perchè sentite cosa dicono gli esperti in proposito:
Secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Chicago e pubblicato su Developmental Science: i bambini che giocano con i puzzle tra i 2 e i 4 anni d’età, crescendo sviluppano migliori capacità spaziali e ottengono voti più alti in matematica e in scienze. La capacità di trasformare mentalmente le forme, infatti, è un importante predittore delle future capacità in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica nei bambini più grandi. Per la ricerca, 53 coppie genitori-figli di diversa estrazione socio-economica hanno partecipato a uno studio, in cui sono stati videoregistrati in sessioni di 90 minuti ogni quattro mesi, quando i piccoli avevano tra i 26 e i 46 mesi. I genitori sono stati invitati a interagire con i loro bambini in modo naturale, e circa la metà dei piccoli ha eseguito almeno un puzzle nel corso della ricerca. Si è visto così che chi era più appassionato, crescendo aveva migliori abilità spaziali. Ma si è visto anche che i maschi tendevano a usare puzzle più complessi e che con loro i genitori erano più impegnati nel gioco rispetto a madri e padri di femminucce. Ora i ricercatori stanno conducendo ulteriori studi per verificare se i genitori forniscono lo stesso input a maschi e femmine, quando i puzzle sono della stessa difficoltà.

Pin It

1 commento:

perlinazzurra ha detto...

Solo qualche riflessione. In casa siamo in tre figli: io e mio fratello, entrambi ingegneri, non abbiamo praticamente mai giocato con i puzzle, mia sorella, laureata in lettere, ne avrà fatto a migliaia, sempre più difficili, tanto che veniva vista (da piccola ovviamente sto parlando) come un genio! Il fatto che i maschi abbiano più facilità a gestire la tridimensionalità invece è cosa risaputa. Basta pensare ai giochi prettamente maschili, come il meccano, oppure vedere le scuole tecniche, come i geometri, dove la figura maschile ha molto meno difficoltà a riprodurre la realtà che quella femminile. Chiara

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...