29 luglio 2013

Notte al Muse

Ieri sera sono partito da casa alle 19 per raggiungere il nuovo quartiere delle Albere a Trento dove si inaugurava il Muse, il più moderno e tecnologico museo della scienza in Italia. Ne ho parlato diffusamente qui

E' stata una lunga notte che vado a raccontarvi con l'aiuto di decine di foto.
Ho scelto di non partecipare all'inaugurazione ufficiale delle 18.30, un po' per il gran caldo e un po' per l'impossibilità di andarci visti gli orari di lavoro della Moma. Eccomi quindi in zona poco prima delle venti. C'è un gran casino in giro, sia di auto che gente a piedi e i parcheggi sono già super saturi. 

DSC 8821

Dopo 10 minuti di cammino, arrivo all'inizio del nuovo quartiere delle Albere, un colosso che per ora da l'idea di una cattedrale nel verde e non nel deserto. Cattedrale perché comunque si stacca dal resto della città, qui sembra di entrare in un altra era, con una urbanizzazione concepita su basi molto diverse da quelle standard. Nel verde, perché effettivamente c'è tantissimo verde. 

DSC 8824

Questo complesso si sviluppa in un area di 11 ettari, comprende 310 mila metri cubi di costruito, di cui 300 appartamenti, 30 mila metri quadri destinati a uffici e negozi, 5 ettari di parco pubblico, 30 mila metri quadri di strade e piazze e naturalmente il Muse. Ecco una visione completa dall'alto. 

Schermata 2013 07 28 alle 21 35 56

Una centrale unica di rigenerazione produrrà energia sufficiente alla vita dell'intero quartiere. Qui trovate tutte le info del caso se per caso siete interessati all'acquisto di appartamenti o negozi (prezzo medio al mq: 4000 euro circa). Vediamo qualche immagine del quartiere. Qui invece, la spiegazione del quartiere dalle parole dirette di Renzo Piano. 

DSC 8828

DSC 8829

Le costruzioni hanno uno stile moderno e particolare che può piacere o meno. A me, per esempio, disturba un po' quel grigliata di legno e il color verde dei tendaggi. 

DSC 8826

DSC 8825

DSC 8827

DSC 8830

Eccoci nel viale principale, nel quale scorre lento un corso d'acqua che rilassa parecchio. 

DSC 8832

In fondo a questa strada, anch'essa pedonabile come la maggior parte delle strade che attraversano il quartiere, c'è il Muse. 

DSC 8834

La gente qui non è molta e si cammina bene, nonostante i 29 gradi delle 8 di sera. 

DSC 8835

Ad un certo punto, incontriamo lui: Renzo Piano!

DSC 8837

Una foto veloce e continuiamo il nostro percorso. Se guardando queste foto vi sta sorgendo la domanda: chi comprerà tutto questo? Sappiate che oltre la metà delle abitazioni è già stata venduta e per approfondimenti leggete questa interessantissima intervista all'Amministratore delegato della Castello SGR, che ha finanziato tutta l'opera.  

DSC 8838

Qualche scampolo di luce si vede. Ecco un negozio che tra poco aprirà i battenti. 

DSC 8839

Ma è l'unico che ho visto in oltre 60-80 negozi. 

DSC 8840

Il corso d'acqua in mezzo alla via centrale, non sempre aiuta. 

DSC 8844

Con queste temperatura, la voglia di fare un pediluvio è molta. 

DSC 8842

Ma eccoci al Muse!

DSC 8845

cerchiamo l'ingresso. Non sembra esserci una gran folla. 

DSC 8846

Eccoci all'entrata. Ci informiamo un attimo e capiamo immediatamente che questa è l'uscita. L'entrata è dall'altra parte e il giro da fare è lunghino. Mi pareva troppo bello...

DSC 8851

Giriamo intorno al Muse e intanto lo ammiriamo. 

DSC 8852

L'acqua è un ottimo elemento tra queste costruzioni, soprattutto a specchio come è stata messa qui. 

DSC 8854

Ovunque piantumazioni nuove, ponticelli e corsi d'acqua. Sembra un paradiso per poterci vivere a meraviglia. 

DSC 8855

DSC 8856

Ci avviciniamo al grande piazzale antistante l'ingresso e sentiamo musica e vociare. 

DSC 8858

Ecco l'antico palazzo delle Albere che sorge proprio di fianco al Muse. 

DSC 8859

Ed eccoci davanti a qualcosa di un po' meno edificante: la coda per entrare al Muse. 

DSC 8860

Decidiamo di andare a mangiare del buon pesce in un ristorante nelle vicinanze, spostandoci in taxi. Torneremo tra oltre un'oretta, tanto la notte è lunga e l'inaugurazione terminerà domenica alle 18. 
Alle 23 ci ripresentiamo davanti all'ingresso del Muse, ma la situazione non è cambiata di molto. Ci mettiamo pazientemente in coda e nel frattempo ci godiamo le proiezioni spettacolari che si susseguono sulla facciata del museo.  

DSC 8867

All'interno nel frattempo, i molti visitatori si gustano i 5 piani di esposizione. 

DSC 8871

Il caldo è ancora potente e tra la folla la cosa si accentua. Inoltre l'organizzazione della coda di ingresso è praticamente nulla. 

DSC 8885

Attendendo in fila, ci documentiamo con l'aiuto dell'iPad. 

DSC 8893

Il palazzo delle Albere. 

DSC 8898

A mezzanotte in punto, dopo essere avanzati di qualche metro, il museo chiude momentaneamente e inizia uno spettacolo di video mapping 3D. 

DSC 8900

DSC 8905

DSC 8908

DSC 8911

DSC 8916

Il Muse viene spiegato dall'esterno e scartato piano per piano, come se fosse un cioccolatino. 

DSC 8918

DSC 8919

DSC 8920

Applausi scroscianti. La piazza è strapiena nonostante sia quasi mezzanotte e mezza. 

IMG 1405

Il museo viene riaperto e piano piano avanziamo nella notte. Sono le 00.50. 

DSC 8922

Le ore passano e la fila diminuisce lentamente. Ecco dove sono all'1.10.

DSC 8929

In fila c'è gente di tutte le età e nessuno si lamenta o si comporta male. 

DSC 8931

DSC 8934

DSC 8936

DSC 8939

DSC 8937

La musica e le luci continuano ad animare la festa. 

DSC 8942

Sono quasi le due di notte. Ci siamo quasi. Non oso piegarmi sulle ginocchia, perché so che non mi rialzerei più. Ah, cosa si fa per l'arte!

DSC 8947

In realtà ho voluto essere presente perché sapevo che oggi sarebbe stato un giorno speciale, da ricordare. Qualcosa di epico da raccontare ai nipotini. 

DSC 8946

E finalmente eccoci, il prossimo gruppetto ad entrare saremo noi. 

DSC 8952

Ci fonderemo subito al bar alla nostra sinistra, perché abbiamo tutti una sete dannata. 

DSC 8951

Alle 2 e pochi minuti, entro ufficialmente nel Muse. 

DSC 8953

Ora vi lascio alla lunga carrellata di foto che ho scattato all'interno del museo, semplicemente puntualizzando che ad ogni piano c'è un argomento. E ve lo specificherò mano a mano. Questa è la pancia centrale del Muse, che è vuota e che collega virtualmente tutti i piani tra loro. All'interno del vuoto, tanti animali sospesi e un enorme scheletro di dinosauro. 

DSC 8958

DSC 8962

DSC 8960

DSC 8963

DSC 8965

DSC 8973

DSC 8972

DSC 8966

DSC 8971

DSC 8974

DSC 8975

Secondo piano (quello da cui abbiamo iniziato perché era meno affollato): geologia delle Dolomiti. 

DSC 8977

Terzo piano: Labirinto della biodiversità alpina. 

DSC 8980

DSC 8979

DSC 8981

DSC 8982

DSC 8983

DSC 8984

DSC 8986

DSC 8987

DSC 8988

DSC 8989

DSC 8990

Primo piano: preistoria alpina
queste figure erano pazzescamente reali. Anche al tatto! 

DSC 8998

DSC 8999

DSC 9008

DSC 8997

DSC 9007

DSC 9000

DSC 9001

DSC 9002

DSC 9003

DSC 9004

DSC 9005

DSC 9006

DSC 9010

Piano terra. Scienza interattiva.
Una videocamera ad infrarossi.

DSC 9012

Molte le cose interattive che si possono fare all'interno del Muse. Una di queste è la prova sensoriale dei letti. Sdraiandosi su chiodi a destra, o sulle sfere di legno a sinistra, si poteva capire che facevano molto più male queste ultime per la loro distribuzione rada rispetto ai chiodi. 

DSC 9041

DSC 9042

DSC 9014

Piano meno uno: Tracce della vita. 

DSC 9023

DSC 9027

DSC 9032

DSC 9033

La foresta pluviale. 

DSC 9034

DSC 9036

DSC 9037

DSC 9038

DSC 9040

Alle 3.40 finiamo il giro e ci accingiamo ad uscire. Purtroppo abbiamo omesso di visitare il quarto piano, quello dedicato ai ghiacciai (che si potevano anche toccare), e la terrazza panoramica al quinto piano. Questo perché c'era coda per salire ai piani. Sarà per la prossima volta. Peccato anche che il negozio di merchandising fosse chiuso, avrei comprato volentieri una t-shirt del Muse. 

DSC 9044

DSC 9045

Usciamo dal museo, stanchi e affamati. Riattraversiamo il quartiere progettato da Piano in piena notte. Vedere tutte queste vetrine vuote, mette una certa ansia.  

DSC 9048

DSC 9049

DSC 9050

Dopo una tappa obbligatoria all'autogrill per un muffing e un succo, eccoci nuovamente in valle. Sta già albeggiando ma noi siamo pronti ad andare a nanna ora. Sono le 5.34. 

IMG 1409

Il Muse è un gran bel museo, moderno, luminoso interessante e stimolante. Certo, mantenere tutto quel popò di roba non sarà semplice, soprattutto con i tempi che corrono, ma c'è chi dice che chi investe in cultura è sempre dalla parte della ragione. 

Vi lascio con un video riassuntivo dell'intera giornata di inaugurazione del Muse, trovato su Youtube.  

Pin It

10 commenti:

perlinazzurra ha detto...

Direi che l'inaugurazione del Muse è qualcosa di epico da raccontare ai nipoti mi sembra esagerato Momo!!!!!!!!! Anche mio padre aveva partecipato al concorso per la progettazione, vedere la realizzazione del progetto purtroppo non mi ha entusiasmato, Piano viene sopravvalutato pur rimanendo un grandissimo architetto. E gli appartamenti io so che fanno fatica a venderli, per il prezzo esagerato. Chiara

Anonimo ha detto...

accidenti momo!!ci siam schivati proprio per un niente!!!
tutto bellissimo!!(a parte 1 h e mezza di coda!!)
ciao.massimo bdg

Anonimo ha detto...

Scusa, eh, ci vedo bene (e quindi mi devi spiegare!!!) oppure doppio?? Lalla.

franchino ha detto...

Grazie per il report Momo! Sarà mia cura passare a visitarlo quando verrò in zona per la Marcialonga Running di settembre!

Momo ha detto...

Perlina azzurra, massì dai, si fa per dire. In merito alla vendita degli appartamenti, ci sono notizie discordanti. I giornalisti dicono una cosa (15% degli appartamenti venduti), altre fonti (leggasi costruttore), dicono oltre la metà venduti. A chi credere, visto che ultimamente i giornalisti son perennemente catastrofisti?

Massimo, veramente? Cavolo, peccato. Io comunque anche se ti avessi visto non ti avrei riconosciuto! Forse tu si.

Lalla, non ho capito. Cosa ti devo spiegare?

Franchino, vacci, ne vale la pena.

Anonimo ha detto...

C'è uno con due "cosini" !!! Lalla.

Anonimo ha detto...

Lalla :-) trattasi di "pene" (davanti) e "scroto" (dietro). La sacca che raccoglie i testicoli di un uomo.

Anonimo ha detto...

Ops... schiusmi... ho visto male...

monia ha detto...

bellissimo reportage, peso che verrò anch'o a vederlo!!!

Zion ha detto...

sai che non sapevo di questo museo nuovissimo? Grazie Momo, farò presto una gita per andare a visitarlo!!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...