05 maggio 2013

Cambiamenti nel giardino roccioso

Ogni tanto mi piace fare cambiamenti in giardino, oppure apportare migliorie dove ci sono problemi. Purtroppo non ho fatto foto prima di iniziare il lavoro, ma nella zona rocciosa del mio giardino, c'era un punto tra due isole rocciose, in cui la macchina taglia erba non passava e ogni volta ero costretto a rasare con il taglia bordi, che non da proprio gli stessi risultati. Ecco l'aiuola interessata dal lavoro in una foto di tre anni fa. Il problema è alla sinistra dell'aiuola, dove c'è quel piccolo pino mugo. 

DSC 7465 thumb

Ed ecco l'aiuola dopo il lavoro. Come potete osservare, oltre a spostare 3 grosse rocce, ho dovuto eliminare il pino mugo perché semi morto e fare pulizia di un po' di essenze che erano degenerate. 

DSC 7536

Spostando le rocce, è rimasto un buco da inerbare nuovamente. 

DSC 7535

Ora vediamo invece il lavoro che è seguito dopo allo spostamento delle rocce. C'era da riempire con nuove essenze da roccia ogni spazio formatosi. Il giardino roccioso è forse la tipologia di giardino che ha più bisogno di manutenzione. Ogni piccolo particolare conta molto per avere un effetto gradevole e ordinato. Ecco le piantine che ho comprato nei vivai della zona.

DSC 7538

C'è un po' di tutto, ma specialmente perenni adatte a terreni sciolti e spesso acidi. Ed è per questo che ho mischiato due tipi di terreno che ho recuperato.

DSC 7540

A sinistra nella cassa verde c'è della torba di bosco, capace di trattenere l'umidità necessaria senza però creare ristagno.

DSC 7541

A destra nella cassa bianca, c'è un terreno sassoso, molto povero e sabbioso, capace di drenare l'acqua proprio come prediligono queste essenze. 

DSC 7542

Il primo lavoro da fare è trovare la giusta collocazione per ogni piantina, avendo cura di creare una composizione naturale e armoniosa. Solitamente si controlla fino a che altezza massima possano arrivare le piante e, di conseguenza si mettono le piante più piccole davanti e quelle più alte, dietro. Ecco addobbata la zona più grande con un timo al limone, una lavanda rustica, tre genziane di qualità diverse, due pulsantille, una silene e una delosperma. 

DSC 7543

Qui invece abbiamo, due saponarie, una campanula e una potentilla. 

DSC 7544

Dopo aver deciso le varie posizioni, inizio con il trapianto in terra. 

DSC 7545

Sistemo alcune pietre di media pezzatura tra le piantine. 

DSC 7546

Completo coprendo tutto il terreno con sassolini di piccolo taglio. 

DSC 7549

DSC 7550

Ecco le genziane. 

DSC 7551

La saponaria. 

DSC 7552

La lavanda e le Pulsantille. 

DSC 7553

Poi procedo alla semina dell'erba. Compatto il terreno e l'ultimo strato lo setaccio in modo da togliere ogni sassolino. 

DSC 7548

Poi stendo i semi d'erba e ricopro con un leggero strato di terriccio. Et voilà. La manicure al giardino roccioso è terminata. 

DSC 7554

Pin It

3 commenti:

Zion ha detto...

Che bellezza, ma quanto lavoro. Credo non avrò mai un giardino!!! Con la'allergia non potrei mai curarlo.
Per non parlare della pigrizia ;-) :-)

Anonimo ha detto...

caro momo il giardino e molto bello ma io vorrei parlarti di una cosa che per me e molto importante riguardo le statuine fatte per te dal bepino si perche vedi quel vecchio tuo post ha cambiato letteralmente la mia vita o meglio ha scaturito in me una sensazione bellissima che mi ha portato a vivere nuove emozioni io sono luca da sanremo luca mogavero e spero di poter condividere con te cio che devo fari presente se vorrai naturalmente

Momo ha detto...

Luca, Mandami pure una mail. La trovi nel mio profilo in alto a
Destra. Ciao!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...