29 gennaio 2013

40° Marcialonga 2013 (2)

Qui la prima parte.

Dopo la partenza dei primi, lascio la zona di Moena e mi dirigo verso Cavalese. Mi fermo lungo il percorso, nel punto in cui mancano 13 km all'arrivo. Qui vedrò passare i primi per poi salire a Cavalese ad attendere il vincitore. Via radio, apprendo che un gruppo di 30 atleti ha fatto il vuoto, in testa, manco a dirlo, i fratelli Aukland, il ceco Rezac e altri pretendenti al titolo. Tra gli italiani, ci sono Bruno Debertolis, ma anche Piller Cottrer, Kostner, Paredi e Bonaldi. Al km 30 circa, brutto affare per Pietro Piller Cottrer: nel tentativo di recuperare un po' di terreno dai primi, inciampa nei binari, cade e va a sbattere contro una staccionata in legno facendo finire uno sci nel fiume Avisio. Infortunio al ginocchio e Marcialonga finita. Gli ultimi aggiornamenti parleranno di stop di 20 giorni per uno stiramento del legamento laterale del ginocchio destro e di qualche problema al Crociato.  Povero Pietro, e pensare che era la sua prima Marcialonga!!  Ma eccomi a 13 km dall'arrivo. 

DSC 0467

Sento l'elicottero che si avvicina, e dopo pochi minuti, eccoli!

DSC 0472

Jorgen Aukland col n. 1 controlla tutti gli altri. 

DSC 0475

DSC 0479

DSC 0490

Abbandono questa postazione e mi dirigo verso Cavalese. Gli atleti per arrivarci, dovranno affrontare la temibile salita della cascata. 

DSC 0489
 
All'arrivo trovo il solito gran casino. C'è tanta gente assiepata ovunque, fotografi e cineoperatori, postazioni TV, e chi più ne ha più ne metta. Si sistemano le ultime cose, il nastro d'arrivo e si prepara la corona per il vincitore. 
DSC 0493
Ecco il presidente Marcialonga e la Soreghina, pronti ad accogliere il primo. 
DSC 0495
Ancora qualche istante e il boato della folla fa capire che ci siamo. Da là in fondo ecco sbucare la tuta verde dell'imbattibile Jorgen Aukland!
DSC 0498
Sulla salita della cascata Jorgen ha letteralmente stracciato tutti, assegnando distacchi importanti. 
DSC 0504
Jorgen arriva solo soletto e contento come una Pasqua, ma dietro si vede già una sagoma a seguirlo.
DSC 0507
Conclude il percorso di 70 km con un tempone niente male: 2 ore, 58 minuti e 21 secondi!!!
DSC 0512
La quarta Marcialonga è in cassaforte!
DSC 0517
Al secondo posto si piazza Rezac con un distacco di 7 secondi. I due finiscono stremati sulla neve. 
DSC 0530
Taglia il traguardo anche il fratello Anders Aukland a pochi secondi da Rezac. 
DSC 0532
Anche lui, fa "manovra" e si lascia andare in terra. 
DSC 0535
 
DSC 0548
Alla spicciolata arrivano anche gli altri. Il primo degli italiani, sedicesimo, è Bruno Debertolis. 
DSC 0566
Ma è tempo di seguire Jorgen nel backstage. Eccolo felice e sorridente. 
DSC 0570
 
Naturalmente le interviste si sprecano. 
DSC 0581
 
DSC 0582
Rezac, secondo, è un po' meno contento ma soddisfatto di essersi messo in mezzo ai terribili fratelli Aukland. 
 
DSC 0576
 
Passo davanti alla postazione Rai. 
DSC 0586
Bragagna sta concludendo la sua telecronaca iniziata alle 8 di questa mattina. 
DSC 0588
Nel frattempo il palco delle premiazioni inizia a popolarsi. 
DSC 0590
Quest'anno,il premio per i primi tre, non è il solito calice di legno, ma una bellissima scultura sempre in legno.
DSC 0594
DSC 0596
Arrivano le alte cariche che premieranno. 
DSC 0598
 
Il primo a salire sul podio è il terzo classificato, Anders Aukland.
DSC 0600
DSC 0602
Poi ecco Rezac.
DSC 0606
DSC 0611
Ed infine Jorgen Aukland. 
DSC 0614
Vengono consegnati premi, fiori e assegni. 
DSC 0633
 
DSC 0639
Jorgen si porta a casa un assegno da 5300 euro + un assegno da 1700 euro. Non male no?
DSC 0652
Ecco i tre moschettieri contenti e felici. I fratelli Aukland ogni anno non vedono l'ora di venire qui a Cavalese per disputare la  Marcialonga. Dicono che in Norvegia non c'è nessuna gara di fondo che abbia una partecipazione di pubblico così calorosa e che abbia il percorso di gara così legato ai centri abitati. Da loro sembra sia tutto boschi e lande desolate. 
DSC 0668
E' tempo di inni nazionali. 
DSC 0687
 
DSC 0691
La bandiera norvegese si staglia ancora una volta sul cielo di Fiemme. 
DSC 0694
Franco Nones forse rivive mentalmente il momento in cui era lui sul gradino più alto del podio nel 1968 a Grenoble. A fianco a lui, Guidina Dal Sasso, ex fondista di successo. 
DSC 0692
Dopo gli inni, ecco l'assegnazione dell'assegno da 1700 euro all'atleta che ha fatto il miglior tempo sulla salita della cascata. Il vincitore è ancora Jorgen Aukland.
DSC 0709
E' il momento dello spumante. Fuggi fuggi generale tra fotografi e cameraman. 
DSC 0713
 
DSC 0719
Dopo le premiazioni, c'è ancora lavoro per Jorgen. 
DSC 0727
Al traguardo si attende la prima donna. 
 
DSC 0728
Eccola! E' la svizzera Seraina Boner, che in 3 ore e 29 minuti conclude la sua Marcialonga contenta. 
DSC 0731
 
DSC 0734
 
DSC 0738
E con l'arrivo della prima donna, finisco di documentare la 40° Marcialonga, svicolando tra i potenti mezzi Rai.
DSC 0763
 
DSC 0762
Mentre i concorrenti continuano ad arrivare.
DSC 0765
Per tutto il pomeriggio si susseguiranno gli arrivi, fino alle 19, quando l'ultimo concorrente taglierà il traguardo in un tempo pazzesco solo da immaginare: 10 ore 22 minuti e 21 secondi. 
 
DSC 0775
E con questo, vi rinnovo l'appuntamento con la Marcialonga al 2014, quando l'edizione numero 41 prenderà vita. 
Pin It

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Il povero Pietro ha vissuto una bella disavventura, dopo la caduta ha perfino raccontato di aver chiesto aiuto a due operatori su motoslitta che invece lo hanno abbandonato lì da solo, dolorante...è dovuto risalire in pista da solo, malconcio...mahhh....Zdravo

MAJKA ha detto...

Eiii Momo, e i fuochi d'artificio ???
Quest'anno sei stato super esenziale, io non c'ero e vuolevo vedere anche quelli...peccato:((
Majka

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...