10 luglio 2011

Un tuffo nel passato tra i borghi di Carano

Oggi pomeriggio sono stato a Carano, un piccolo comune delal Valle di Fiemme, a pochi minuti da casa mia. La giornata era calda ma sopportabile e in programma c'era una bella iniziativa: far rivivere alcuni dei momenti passati della vecchia vita contadina di 50 anni fa.

DSC 8539

E' stato divertente e curioso vedere ad esempio con quanta cura si sistemava il fieno nei carri, per non farlo cadere per strada. I personaggi che animavano la giornata erano vestiti proprio come allora e grazie alle melodie delle fisarmoniche suonate dai ragazzini, sembrava proprio di essere ripiombati negli anni del dopo guerra, quando un pezzo di pane durava una settimana, oppure mangiare carne di maiale era un evento da festeggiare, e il divertimento dei bambini era saltare sui carri del fieno.

DSC 8543

DSC 8545

DSC 8549

DSC 8550

Molti indossavano questi grembiuli blu che da queste parti sono usatissimi per fare ogni tipo di lavoro: mungere le mucche, falciare il fieno, cucinare, ecc...

DSC 8558

DSC 8605

DSC 8560

Oltre alle persone vestite per il lavoro nei campi, c'erano anche quelle agghindate per i giorni di festa.

DSC 8567

DSC 8587

DSC 8568

DSC 8572

DSC 8575

DSC 8579

Le patate, uno dei principali nutrienti di una volta.

DSC 8583

DSC 8584

DSC 8586

Un ragazzo addetto alla sistemazione della Grassa, il letame di mucca.

DSC 8589

DSC 8592

DSC 8591

I cavalli avelignesi, usatissimi da queste parti.

DSC 8590

DSC 8593

DSC 8597

DSC 8602

DSC 8604

DSC 8607

DSC 8611

Il dirndl, tipico abito tradizionale sud-tirolese. Esiste in una infinità di colori e modelli.

DSC 8614

DSC 8617

Cavalli adibiti al trasporto dei tronchi.

DSC 8622

DSC 8625

Capretta con poca voglia di collaborare.

DSC 8634

DSC 8637

DSC 8636Una vecchia abitazione ancora intoccata rispetto agli anni '40. Quello in primo piano è il bagno, che una volta era sempre esterno alla casa. Pensate agli inverni da queste parti, con -20° e la pipì che scappa!

DSC 8640

Anche questi sono tipici copricapi degli uomini al lavoro tra le stalle e i campi.

DSC 8644

DSC 8646

I carri sono sfilati tra le strette vie in discesa del paese.

DSC 8648

DSC 8649

DSC 8650

Una giovane Heidi.

DSC 8651

DSC 8653

La famiglia al completo.

DSC 8660

Pin It

2 commenti:

Oscar ha detto...

Cosa cacchio devo dirti!?
Ho letto un tuo post, piu' o meno, quattro anni fa.
Mi ricordo che mi sono subito precipitato a raccontare, a mia moglie e a mia figlia, cio' che avevo visto. Mi avevi colpito: il tuo modo di descrivere, attraverso le immagini, cio' che, di volta in volta, vedevi....e cosi' ho iniziato a seguirti...tutti i giorni...da allora.
Cosa cacchio devo dirti? che sei cresiuto, ragazzo....il tuo ultimo post ne è la conferma.
Probabilmente sono solo uno scemo.
Probabilmente non capisco niente.
Ti assicuro pero' che,a mi modesto avviso, le tue foto "raccontano" piu' di ogni possibile testo. (non ho letto una sola parola del post. Ho guardato solo le foto).
Complimenti da parte mia. Da parte di una persona, piccola piccola, che ti vuole dire....di questa "festa" hai ottenuto un concentrato di emozioni e umanità che...arrivano. Arrivano e ti fanno vibrare. Ciao e complimenti per i tuoi reportages.

Momo ha detto...

Oscar, mi hai emozionato. Sono subito andato a rivedere le foto che avevo frettolosamente pubblicato per capire cosa avesse scatenato in te tanto entusiasmo. Non ci ho trovato nulla di particolare e allora sono arrivato alla conclusione che spesso la fotografia ha lo straordinario potere di farci vivere emozioni così intense da sembrare reali. E' per questo che la amo così tanto. Grazie comunque per le tue splendide parole. Grazie davvero.
Un abbraccio.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...