23 giugno 2011

Il cane-drago Eni, si mangia la vecchia Agip

Agip logo

L'amministratore delegato dell'ENI ne parlava già nel 2009: ''Stiamo pensando di mandare avanti il Cane a sei zampe come simbolo che potrebbe prendere il sopravvento sull'Agip''. E aggiungeva: "Rileviamo che tutte le compagnie petrolifere del mondo si chiamano come la pompa di benzina. Noi ci chiamiamo Eni e la nostra benzina Agip: in questa dicotomia una inefficienza c'è''. E da questa inefficienza è partita una grande operazione di restiling che sta coinvolgendo tutta Italia e i suoi 4000 distributori Agip, destinati a sparire per sempre. Tra poco non si potrà più dire: "Mi fermo all'Agip a fare benzina". Perchè l'Agip, Azienda Generale Italiana Petroli, non esisterà più. Farà parte del nostro folcloristico passato, come le vecchie Fiat 500, i juke box, le cabine del telefono, i mangianastri, o le macchine da scrivere. Ecco i distributori come non li vedremo più.

Agip diventata multienergy 1

Agip Krausler

Una vecchissima locandina Agip, in cui si pubblicizzava la Benzina Supercortemaggiore, che prendeva il nome da un comune del piacentino. Uno nome che era un vero spasso. Osservate il distributore, sembra quello dei Lego.

Agip

Il cane a 6 zampe fu ideato da Luigi Broggini e rifinito dal designer Giuseppe Guzzi nel 1953. Broggini ideò una figura dai richiami mitologici: forse un drago, ma con la morfologia di un cane. Strane le caratteristiche: sei zampe, di cui la prima piantata al suolo, e una lingua di fuoco che scaturisce dalla testa rivolta all'indietro. Il simbolo non fu mai ufficialmente riconosciuto da Broggini (la controversia fu risolta dal figlio, dopo la morte dell'artista), mentre l'interpretazione ufficiale riferiva di un richiamo esplicito alla benzina "Supercortemmagiore", definita amica de "l'uomo a quattro ruote". Al che, l'equazione data da Uomo (due gambe) più quattro ruote ci riporta al numero sei: le zampe del "cane". La "lingua di fuoco" resta un mistero: l'energia degli idrocarburi o, cosa?

Al riguardo sono sorte interpretazioni parallele, ma sicuramente più affascinanti. Si fa riferimento alla figura del "cane" come metafora della stessa Eni, tra l'altro affine a simboli mitologici sia nordici che africani. Una holding aggressiva, ma affidabile (concetto di "cane" come animale fedele) che poteva vantare ben sei aziende dipendenti Agip, Snam, Anic, Liquigas, Nuovo Pignone, Romsa (le zampe) e un vertice dotato di una figura come Enrico Mattei, carismatica e dal forte impatto (la lingua di fuoco). Inizialmente il cane era fatto così.

Supercortemaggiore

Poi nel 1968 fu aggiunto il quadrato ad angoli stondati e riempimento giallo. Il cane fu accorciato e snellito e ne fu cambiata l'inclinazione perchè la figura pendeva in avanti e dava un senso di instabilità. Debuttò anche il caratteristico font a doppia linea che viene usato tutt'ora ma in chiave moderna.

Logo agip

Altro restiling fu commissionato sempre agli stessi grafici della Unimark per mano di Bob Noorda nel 1998, quando si rese necessario far comparire il nome dell'Eni oltre a quello dell'Agip.

Big 223212 6642 eni06logo

E nel 2008 arriva il nuovo logo Eni: Sarà questo il marchio che spazzerà via Agip dalla faccia del pianeta idrocarburi.

Logo Eni

Qui una bellissima interpertazione grafica del cane a sei zampe.

Schermata 2011 06 23 a 09 06 43

La trasformazione di facciata dei distributori, dicevamo, è avvenuta anche qui in valle proprio ieri, presso il mio distributore di fiducia, unico punto Agip nel raggio di 15 km. probabilmente in città la trasformazione è già avvenuta da diversi mesi, ma nei piccoli centri, sta avvenendo solo ora. Ecco com'è diventato il piccolo punto vendita Eni ex Agip.

DSC 6685

DSC 6679

DSC 6676

DSC 6677

DSC 6678

DSC 6683

DSC 6680

DSC 6681

DSC 6689

DSC 6688

DSC 6687

DSC 6686

Buttate in un angolo come ferri vecchi, le ex insegne del distributore, magari destinate a finire nelle mani di qualche collezionista.

DSC 6684

 

Pin It

9 commenti:

Saint Andres ha detto...

L'ultima foto è la più impietosa, non mi stupirei di trovare qualcuno che illumina il proprio giardino con una bella insegna dell'AGIP :D ahaha
In ogni caso il restyling dei nuovi distributori mi piace, molto pulito e moderno. Per il nome pazienza, alla fine Eni è pur sempre un pezzo di Italia parallelo a quello AGIP.

delicate ha detto...

me ne prendi una Momino ?
voglio anche le freccine con luci delle autostrade !!!

Momo ha detto...

Saint, sarebbe curioso sapere che se ne farà l'Eni di tutte quelle insegne...

Delicate, ma chi cosa? Insegna? Dai, te la impacchetto e la spedisco col corriere! :-)

Anonimo ha detto...

Ciao Momo, se sono ancora li' me ne spedisci una? A Milano la deposito ne hanno a centinaia, e te le regalano se le vuoi, ma non ho mezzo di trasporto e loro non spediscono... pago le spese di spedizione.
mia mail: lambretta74 AT email.it
Ciao!!!

Momo ha detto...

Lambretta, ma ti pare che quella roba, dopo due anni, sia ancora lì??

Anonimo ha detto...

Boh. Pensa che in un posto hanno ancora stoccate quelle dell' Alitalia e dell'Alfa degli anni 70, luminose, e le regalano se te le porti via. Appena rimedio un mezzo, faccio incetta :-)) Comq grazie. !!!

Anonimo ha detto...

dove sono quelle dall'alfa ???

Anonimo ha detto...

Si trovano vicino a Milano, in un deposito coperto dell'ex gestore della cartellonistica: insegne Alfa dagli anni sessanta ad oggi, Agip, roba autostradale, etc etc...

Anonimo ha detto...

Scusate qualcuno sa dirmi qualcosa in più di questo deposito? Dove si trova? Grazie!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...