29 marzo 2011

Lo Tsunami in presa diretta

bp6.jpg

Sono passati 18 giorni da quel terribile 11 marzo 2011 che ha segnato forse per sempre le terre del Giappone. Dieci minuti dopo la potentissima scossa di magnitudo 9, si abbatteva sulle coste nipponiche uno spaventoso tsunami, vera causa del disastro ambientale, con forza sempre maggiore di minuto in minuto e con ondate alte fino a dieci metri. Guardate questi due drammatici video caricati su YouTube poche ore fa e girati in presa diretta proprio nel momento in cui il mare si ingrossa sempre più, diventando una enorme massa distruttiva con una forza spaventosa, come solo l'acqua in natura sa essere. Siamo nella prefettura di Kesennuma City, una delle più colpite dallo Tsunami, insieme a quelle di Miyagi e Iwate.

Ecco un altro eccezionale documento, ripreso direttamente dalla costa. Le onde si alzeranno sempre più inaspettatamente. Lo tsunami è subdolo e non arriva in un unica ondata, ma spesso aumenta la portata dell'acqua minuto dopo minuto. Guardate il documento video fino alla fine.

Quello che mi viene da pensare è: come si fa a rialzare la testa dopo una distruzione di tale portata? Da dove si inizia a ricostruire quando non si vede neppure più il terreno dove sorgevano i paesi? Dove si accatastano decine e decine di tonnellate di detriti?
Ecco alcuni scatti proprio della prefettura di Kesennuma City, la stessa vista nei due video qui sopra.

bp4.jpg

bp11.jpg

bp22.jpg

bp24-1.jpg

bp6-2.jpg

bp3.jpg

bp6-1.jpg

bp24.jpg

bp32.jpg

bp37.jpg

bp40.jpg

bp43.jpg

bp44.jpg

bp14.jpg

Lo sciame sismico registrato in questi ultimi giorni a partire dalla grande scossa dell'11 marzo.

Map_of_Sendai_Earthquake_2011.jpg

Vi ricordo che è stata pubblicata una compilation su Itunes acquistabile visitando questa pagina. 38 brani a 9,99 euro che andranno ad aiutare la popolazione giapponese colpita dal terremoto.

Schermata 2011-03-29 a 16.57.38.png

L'album è attualmente al secondo posto su itunes. Qui invece, potete fare delle offerte sempre attraverso iTunes.

Schermata 2011-03-29 a 17.00.10.png

Pin It

5 commenti:

LJ ha detto...

Madonna Madonna Madonna

(come fanno a rialzare la testa? con la disperazione di chi vuole vivere, nonostante tutto. ma ti pensi una cosa simile da noi a che cosa porterebbe?)

Maos ha detto...

Caro Momo, lo stanno già facendo. Hanno iniziato 5 minuti dopo l'ultima onda dello tsunami. E non ci si sarebbe potuti aspettare nulla di meno dai grandi nipponici!

In Giappone sono già stati ricostruiti, a oggi, più di 800 km di autostrada. Perfettamente funzionanti.

Sconvolgente? Mica tanto: trovo molto più "sconvolgente" la Salerno-Reggio Calabria...

Anonimo ha detto...

Non riesco a togliermi dalla testa l pensiero.

Se fosse successo a noi? Cosa sarebbe rimasto?

E quel che rimaneva sarebbe riuscito a rialzarsi?


Grazie mille momo come sempre

Kyrie.

Momo ha detto...

Lj, le mie domande erano delle "non domande". So con quale abnegazione questo popolo reagisce a queste mazzate, però questa volta per alcune prefetture è veramente l'inizio dei giorni. Per questo mi chiedevo dove si trova la forza (economica, emotiva e fisica) per ricominciare da capo, magari sapendo che tra 10 anni può essere che ricapiti una cosa simile (facendo i dovuti scongiuri).

Maos, come sopra... Comunque riguardo la Reggio-Calabria hai ragionissima. E' uno schifo.

Kyrie, se fosse successo da noi sarebbero tutti a Roma a piangere per avere delle nuove case.

LJ ha detto...

la mia pure era una non-risposta.
Comunque è vero che non è piangendo e commiserandosi per decenni in perenne richiesta di assistenzialismo che ci si risolleva. D'altro canto, chi piange per decenni, magari qualche motivo per piangere pure ce l'ha. E non dire che faccio politica, perché non è così.

PS oggi sono stato dalle tue parti.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...