10 novembre 2010

Cicatrici indelebili

Sono passati 51 giorni dalla operazione in cui mi sono stati asportati due nei ed è ora di controllare che ne è delle cicatrici. Ecco quella in pancia che è quella che più mi interessa.

E' rimasta rosina e presumo che più di così non sparirà. Quella sotto l'ascella non la prendo neppure in considerazione, visto la sua posizione totalmente nascosta alla vista.
Tra l'altro, l'esame istologico che è stato fatto ai nei asportati, ha rilevato che quello in pancia era una lentiggine, mentre quello sotto l'ascella un normalissimo neo.
Volendo vedere avrei potuto fare a meno di toglierli risparmiandomi dolore (poco a dir la verità), soldi (42 euro, pensavo peggio), e tempo.
Per non parlare dell'apprensione che mi è venuta dopo aver tolto i punti. Dopo tre o quattro giorni ho sentito qualcosa di strano nella zona del taglio sotto l'ascella. Era come se ci fosse un cavetto che tirava sotto pelle partendo dalla ferita e proseguendo verso il braccio per una lunghezza di 10-12 cm. Con le dita lo si poteva sentire distintamente e alzando il braccio in alto mi tirava provocandomi fastidio. Ho pensato subito che mi avessero lesionato qualcosa irreparabilmente, tipo una parte del muscolo o un tendine o chissà che cavolo d'altro. Questa cosa è durata diversi giorni (12-15), e l'altro giorno dopo la doccia ho tastato la zona constatando che il problema si era affievolito o quasi scomparso. Chissà cos'era?
Concludo svelandovi che la famosa foto dei tagli presente in questo post è stata sbirciata ad oggi da 87 persone.

Pin It

1 commento:

Zion ha detto...

è piccina! se resta, sarà lo spunto per una storia di buona sanità da raccontare :)

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...