31 agosto 2010

Il pane che non c'è più

Oggi è un triste giorno per il mio palato. Dopo 30 anni di onorata carriera va in pensione e chiude la bottega il mio panettiere di fiducia, colui che era in grado di sfornare un pane pazzescamente buono, preparato e cotto nel suo personale retrobottega e non nei grandi stabilimenti industriali come spesso oggi succede.
Gli zoccoletti che ero solito prendere ogni giorno, avevano un profumo e un gusto che non ho ancora trovato da nessun'altra parte: l'aroma leggermente focaccioso, probabilmente per merito dell'olio usato nell'impasto oppure di qualche sistema di cottura o altre diavolerie da fornaio. La mollica sempre bianca e profumata, morbida e gustosa. La crosta sempre croccante, con un colore dorato e la farina a sporcarne la superficie.
Insomma, da oggi non potrò più mangiare questo pane. Nelle prossime settimane un altro tizio prenderà in mano la panetteria, tra l'altro unica del paese, e chissà cosa accadrà. Di sicuro si sa già che il forno nel retro verrà smantellato e il pane verrà cotto in un paese vicino.
Che tristezza. Almeno fossi riuscito a "rubare" la ricetta dei miei mitici zoccoletti!

Pin It

Nessun commento:

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...