27 marzo 2010

Il Corriere.it diventa a pagamento

E' ormai da qualche giorno che il mio iPhone, quando mi connetto al sito Corriere.it, cambia l'indirizzo web in automatico andando su mobile.corriere.it e presentandomi l'interfaccia che tanto odio, fatta appositamente per gli smartphone. Ma non è tutto: le notizie sono diventate a pagamento. Se si vogliono leggere le notizie complete e non solo i titoli e i sommari, è necessario stipulare un abbonamento a tempo indeterminato al costo di 2 euro a settimana IVA inclusa.

E' possibile disdire l'abbonamento contattando il call center o seguendo le istruzioni nell'apposita pagina del Corriere.

E attenzione non sto parlando dell'app disponibile su Applestore che permette di leggere le notizie del Corriere, vedere i servizi video, ecc... Quel servizio è un'altra cosa che ha altri costi. L'app è gratuita, ma l'abbonamento è a pagamento come si vede nella schermata qui in basso. Per esempio, un mese costa circa 5 euro.

Fra il resto questa App ha ricevuto una valanga di insulti e voti bassissimi. Più della metà degli oltre 600 voti, hanno una stella su 5

Poveri noi, tra poco verranno messi a pagamento anche i siti sul web e così tutta l'informazione sarà a pagamento. Le cose sono due: o la gente capirà e si adeguerà agli eventi pagando per tenersi informata, oppure ci sarà un fuggi fuggi generale con visite giornaliere ai siti che precipiteranno con conseguente calo dei costi pubblicitari e flop dei siti di informazione. A quel punto, o si tornerà alla carta stampata, ma la vedo una cosa da trogloditi, oppure si tornerà al gratuito come ora.
Vedremo come andrà a finire.
Quello che è sicuro per ora, è che non posso più leggermi le notizie sull'iphone. Sgrunt!

Pin It

1 commento:

Khassad ha detto...

La questione dell'informazione a pagamento sta montando da circa un annetto e si può riassumere così: i giornali cartacei stanno perdendo vendite e contemporaneamente non riescono a bilanciare i minori introiti con la sola pubblicità sui rispettivi siti gratuiti.

I media sono ad un bivio, devono reinventarsi un così detto "business model", ovvero un modo di offrire i loro prodotti ed essere remunerati per farlo.

Da circa un anno Murdoch ha puntato il dito su Google, colpevole a suo dire di indicizzare le notizie e farci soldi con gli ads a lato delle sue pagine di ricerca. E' notizia di questa settimana che la sua maggiore testata, il THE TIMES, da giugno avrà un sito web completamente a pagamento (una sterlina al giorno o due la settimana), anche se visitato dal PC.

In Italia DeBenedetti (del gruppo repubbica.espresso) aveva proposto una tassa sulle ADSL per finanziare i giornali cartacei, così che potessero continuare a fornire le notizie gratuitamente sui loro siti.

Il corriere a quanto pare ha scelto come "modello di business" quello della APP a pagamento. Il motivo è semplice: visti i soldi che girano sugli app-store dei telefonini, hanno creduto bene che i clienti tipici degli app-store siano abbastanza disposti a pagare-per-usare. E l'imminente uscita dei tablet va tutta a loro favore, perchè se prende piede, diventerà il nuovo standard per l'informazione online.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...